Rubinetti per il bagno, guida alla scelta

La scelta dei rubinetti per il bagno deve essere ispirata a due parametri fondamentali: la funzionalità e un aspetto estetico gradevole. Tra le soluzioni più comuni si segnalano i rubinetti monocomando, che sono dotati di una sola leva per mezzo della quale è possibile regolare l’intensità del getto a seconda che essa venga sollevata o tirata verso il basso. Per intervenire sulla temperatura dell’acqua, invece, è sufficiente spostare la leva in senso orizzontale, a destra per avere acqua fredda e a sinistra per avere acqua calda. I miscelatori termostatici di solito sono installati sulle docce, ma possono trovare posto anche sulle vasche da bagno: sono così chiamati perché sono muniti di un termostato che permette di stabilire la temperatura che si vuole.

In questo caso la manopola è doppia: con una, si apre l’acqua, la si chiude e si regola il suo flusso; con l’altra si sceglie la temperatura dell’acqua. Una soluzione alternativa è rappresentata dai rubinetti a tre fori: al centro si trova il beccuccio che eroga l’acqua, mentre sui lati ci sono le leve per l’acqua calda e per l’acqua fredda. Le leve sono indipendenti l’una dall’altra, e quindi è l’utente stesso a miscelare la temperatura in base ai propri bisogni. Molteplici sono le varianti per i beccucci da cui il getto d’acqua viene erogato; al di là di quelli più tradizionali, non mancano le versioni larghe e piatte, che erogano l’acqua dando vita a un effetto naturale, a mo’ di cascata. Una soluzione estetica di questo tipo è consigliata per i bagni caratterizzati da uno stile moderno e da un’impronta minimal.

La vasta gamma di proposte in cui ci si può imbattere sul mercato comprende, poi, i rubinetti inarcati, che a volte arrivano a sfiorare il bordo del lavandino, e i beccucci elettronici, che permettono un’erogazione automatica dell’acqua in virtù di specifici sensori che consentono di rilevare la presenza delle mani. I rubinetti con beccucci elettronici in genere si trovano nei bagni di locali pubblici come bar, ristoranti o centri commerciali, ma nulla vieta la loro installazione anche in abitazioni private.

In questi rubinetti bagno, i beccucci possono essere installati sulla parete o montati sul lavabo, a seconda dei casi. Tuttavia, nelle soluzioni di design più moderne e innovative, si sono visti beccucci collocati addirittura al pavimento, con un effetto a dir poco sorprendente. I rubinetti per bagno a cascata restano, comunque, quelli più affascinanti, in virtù della loro resa davvero particolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.